“Aggressione gratuita e feroce ai manifestanti – un vicequestore minaccia di “sparare in testa” almeno a due persone!!

Il presidente del consiglio Renzi è venuto a Napoli per assistere ad un’opera di Kauffman al San Carlo. Una specie di “sovrano” venuto a dispensare brioches senza nemmeno rendere conto di quel che sta facendo alla nostra città e all’intero paese.. Centinaia di napoletani invece sono arrivati fin sotto il teatro per contestare proprio la sua arroganza antidemocratica, il commissariamento di Bagnoli, il JobsAct, lo SbloccaItalia, la buona scuola e la sua controriforma costituzionale… ma un imponente dispiegamento delle forze dell’ordine, circa dieci reparti e centinaia di uomini, hanno iniziato a rastrellare la zona con provocazioni e aggressioni: cariche in più punti ai gruppi di manifestanti, percosse, manganellate e perfino minacce di morte da parte di dirigenti e uomini delle forze dell’ordine ai dimostranti!

“Ti sparo in testa!” queste infatti le parole pronunciate dal vicequestore aggiunto Fiorillo per almeno due volte a due diversi manifestanti presenti al corteo!!
Il vicequestore già protagonista nelle cronache della vergognosa mattanza di Genova 2001 che ancora gestisce l’ordine pubblico in questa città…
Metodi inaccettabili di un governo che evidentemente non accetta il dissenso. La questura di Napoli deve spiegare com’è possibile che il suo funzionario più alto in grado nella piazza dica e faccia cose folli!

Per questo annunciamo per domani mattina alle ore 11.00 sotto la questura centrale di Napoli in via Medina una conferenza stampa per ricostruire bene i fatti. L’iniziativa di oggi anticipava anche la mobilitazione per la revoca del commissariamento di Bagnoli che ci sarà il 23 settembre sotto palazzo Chigi.

Commenti

commenta