Al grido “in nome del popolo italiano procediamo al suo arresto”, una cinquantina di persone aderenti al movimento dei Forconi ha accerchiato Osvaldo Napoli davanti a Montecitorio sventolando la bandiera tricolore. Il consigliere di Torino ed ex deputato di Forza Italia è stato fermato poco prima di entrare nel palazzo dei gruppi parlamentari: all’inizio pensando a uno scherzo ha risposto alle domande dei cittadini, ma la situazione è subito degenerata. Mentre i manifestanti continuavano a invocare l’intervento di un “maresciallo”, l’ex parlamentare ha cercato di andarsene venendo strattonato più volte. Il video dell’aggressione, pubblicato sul canale Youtube di Daniele Cinà, è stato poi condiviso sulla pagina Facebook ufficiale dei Forconi con la scritta: “I Forconi arrestano il primo politico”, rilanciando l’iniziativa di portare in cella simbolicamente i politici italiani ritenuti colpevoli di essere “illegittimi, abusivi e golpisti”.

Napoli è stato poi intervistato da Radio Cusano Campus: “E’ stata una situazione estremamente delicata”, ha detto. “Un comportamento che definire delinquenziale è poco. Niente a che fare con le persone che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Questi sono dei veri delinquenti. La gente che ha dei problemi economici è dignitosa e sa come comportarsi anche nella contestazione. In questo caso non si tratta di contestazione, ma di atti delinquenziali. Non lo ritengo un problema di rabbia sociale. Le persone che erano lì, soprattutto due, non avevano niente a che fare con i problemi sociali. Non farò nessuna denuncia perché hanno già 40 denunce alle spalle, farne una 41esima non cambia nulla. Non sono spaventato, mi dispiace tantissimo perché io sono uno che ha la pazienza di ascoltare le persone, ma questa è stata una brutta vicenda”. (Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/12/14/roma-i-forconi-arrestano-lex-deputato-di-fi-osvaldo-napoli/3259379/)

Commenti

commenta